14 Dicembre, 2017

Social media icons

         

Cerca nel sito

Gli studenti dell’ Olivetti e del Seneca incontrano il Presidente del Senato, Pietro Grasso

 

Le due scuole selezionate per i prestigiosi premi ricevuti nei progetti nazionali sulla legalità

 

La legalità al centro: grande opportunità ed alto momento di riflessione per gli studenti dell’Olivetti e del Seneca  che,  nella mattinata di venerdì 18 novembre, hanno avuto l’onore di incontrare  il Presidente del Senato Pietro Grasso.  L’evento, “I giovani incontrano la legalità”  tenutosi nell’aula magna del Polo universitario di Monte Dago di Ancona, è stato organizzato dal Consiglio Regionale delle Marche, in collaborazione con  l’Ufficio Scolastico Regionale e  dell’Università Politecnica delle Marche;  ha coinvolto più di seicento ragazzi provenienti da tutte le province marchigiane.

 

Legalità intesa non solo  come  rispetto delle regole della comunità, ma anche,  in  un concetto più ampio, di cultura e inclusione, come paradigma di apertura ad un arricchimento reciproco secondo il quale convivere in armonia con chi porta valori differenti. Questo è quanto hanno affermato il  sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli, il Rettore dell’UnivPM,  Sauro Longhi ed  il giornalista Luca Pagliari davanti alle autorità presenti e ad una  attenta  platea di studenti.

 

“La legalità è la forza dei deboli. Per veder rispettati i tuoi diritti hai bisogno della legalità”. Il Presidente Pietro Grasso  ha esordito con questa riflessione   molto profonda  e di grande forza,  intrattenendo i presenti con una testimonianza di vita esemplare e  di grande coraggio.  

Nella sua carriera di  magistrato e di  giudice nel maxiprocesso contro la mafia, è stato influenzato da una vera e propria  passione per la legalità. “E’ stata la mia Palermo intrisa di sangue e della violenza della mafia a farmi da maestra, ad indicarmi ciò che dovevo fare, indipendentemente da quelli che sarebbero stati i risultati. Reagire alle prepotenze e avere il coraggio di
cambiare il mondo e di costruire una nuova dimensione testimonia la forza di uno Stato che riesce a proseguire senza abbattimenti, così come un fiume corre sempre verso il mare nonostante gli ostacoli”.

Partecipazione e commozione ha provocato l’intervento della zia di un giovane  onesto  ucciso dalla mafia:è proprio la condivisione dei valori della legalità che spinge questa donna a testimoniare il suo dolore affinchè, particolarmente nei territori più difficili,  la morte di un innocente  sia di monito alle coscienze  di tutti.  

Durante i lavori,  sono salite sul palco due  studentesse dei nostri istituti, Gaia Garattoni e  Lisa Buttaroni   che hanno rivolto una domanda al Presidente Grasso   sulla necessità di  diffondere maggiormente tra i giovani i valori della legalità; di grande effetto,  infine, l’esecuzione in diretta del pezzo “Per essere diversi”   scritto da Federico Maravigna e Vittorio Mascitti, interpretato dalla studentessa  Veriana  Nguanzi della  classe  5C Olivetti. Il  progetto è stato coordinato dalla prof.ssa  Elena Ludovici e dalla prof.ssa  Anna Ucci.  

COMPLIMENTI RAGAZZI!!

 
 
 
 

SP Simple Youtube

Journal

SnowFalling